Linux4One….una distribuzione tutta italiana per l’Aspire One

5 01 2009

In occasione della release RC2 di questa distribuzione mi accingo a recensirla.

Testata sulla mia pelle (anzi, sulla SSD del mio piccolo) per circa un mese la rc1 sono balzato sulla sedia vedendo, curiosando nel forum, l’uscita della nuova versione.

L’italianissima distro Linux4One contiene una serie di chicche che la fanno apprezzare volentieri.
Innanzitutto è una distribuzione basata su Ubuntu 8.4.1 per preferire la stabilità ma nel momento dell’installazione viene scelto se installare un kernel ottimizzato per l’Aspire One.
Questo kernel contiene una serie di miglioramenti (largamente ampliati nella versione RC2) che permettono di utilizzare a pieno tutto “Out of the Box“, in poche parole immediatamente senza configurazione alcuna dell’utente.

Come si presenta
Una volta installata (si può provare anche da live ma caricando il kernel standard non si guadagnano tutti i miglioramenti di cui ho parlato prima) si presenta con l’interfaccia Ubuntu Netbook Remix, un interfaccia sviluppata appositamente per migliorare l’esperienza d’uso del Netbook.
Le applicazioni preinstallate coprono tutti gli ambiti: OpenOffice.org con affiancato un ottimo lettore e-book per l’ufficio, Firefox 3, xchat, emesene e Thunderbird per il comparto Internet, Gimp per il disegno ma possono essere ampliate con i comodi repositories di Ubuntu.

Prestazioni
La distribuzione si presenta solida e scattante sul mio Acer Aspire One, nonostante abbia solo 512mb di ram e SSD Intel, riuscendo ad ottenere tempi di boot molto rapidi ma non ancora paragonabili ai 13 secondi di limpus,

Confido molto sui prossimi sviluppi e consiglio a tutti voi di installarla.

Galleria


Link
Download
http : Mirror 1 Mirror 2
Torrent

Per chi come me vuole passare dalla rc1 alla rc2 deve eseguire questo script http://www.linuxzine.it/linux4one-rc2.tar.bz2 in questo modo:

Aprire il terminale
wget http://www.linuxzine.it/linux4one-rc2.tar.bz2
tar -xjvf linux4one-rc2.tar.bz2<
cd linux4one-rc2/
sudo ./aggiornamento.sh

Lasciatelo eseguire rispondendo alle domande come indicato

Sito ufficiale
Forum di supporto

Annunci




Switch rapido tra easy e advance mode

23 10 2008

Girovagando per alcuni forum ho trovato un post interessante.
Un user ha postato uno script per alternare velocemente tra easy mode ed advance mode.
Questo script per comodità può essere inserito nel pannello

ecco lo script

#!/bin/sh
# Test if easy mode (acer)
ps aux | grep xfdesktop2 | grep '/usr/bin'
# 0 = Acer Desktop
if [ $? = 0 ]; then
killall xfdesktop2
sleep .5
/usr/bin/xfdesktop-xfce &
else
killall xfdesktop-xfce
sleep .5
/usr/bin/xfdesktop2 &
fi

  • Copiamolo ed incolliamolo con l’editor di testo mousepad salvandolo nella nostra home come changedesktop.sh
  • da terminale spostiamoci nella home del nostro utente digitando

cd /home/user

  • ora dobbiamo eseguire come amministratore i prossimi comandi e per questo come al solito dobbiamo autentificarci con il comando

su (ed inseriamo la password dopo aver dato invio)

  • Modifichiamo i permessi di esecuzione dello script

chmod +x changedesktop.sh

  • spostiamo il file nella cartella /usr/local/bin/changedesktop

mv changedesktop.sh /usr/local/bin/changedesktop

  • eseguiamo il configuratore del pannello

xfce4-panel -a

  • ora clicchiamo due volte su Avviatore e compiliamo come vogliamo i campi nome, descrizione e scegliendo l’icona che vogliamo.
  • nel campo comando mettiamo changedesktop e chiudiamo tutto
  • d’ora in poi cliccando du quella nuova icona sul pannello eseguirà lo script che abbiamo impostato.

il post originale





Risoluzione monitor esterno

8 09 2008

L’altro giorno ho attaccato l’acer aspire one ad un monitor esterno di 17″.
L’output del pc era comunque di 1024×600 che certamente non si adattano ad un 17 pollici cosi ho iniziato a smanettare con il file xorg.conf.

Per prima cosa facciamo un backup del file se qualcosa va storto:

su
password

cp /etc/X11/xorg.conf corg.conf.bak

ora editiamo il file
mousepad /etc/X11/xorg.conf

Dentro il file xorg.conf cercare la sezione intitolata Screen e dentro di essa la riga Virtual 1024 600 e modificarla in

Virtual 2304 1024

Poco sopra la riga appena modificata, c’è la riga Modes che riporta un elenco di risoluzioni: aggiungere a questo elenco le risoluzioni

Modes "1280x1024" "1024x768"

Salvare e chiudere il file xorg.conf

ora spostiamoci nella nostra directory home (Documenti) ed apriamo il terminale

autentichiamoci nuovamente con il comando

su

e diamo il comando
mousepad monitor.sh

Ora dobbiamo creare uno script da eseguire per impostare la risoluzione di uscita del secondo monitor o di un proiettore per esempio mentre utilizziamo il nostro aspire one per fare altro.

Dentro al file scriviamo:

#!/bin/bash

xrandr -s 1280×1024

xrandr –output LVDS –left-of VGA –auto

Salviamo il file e rendiamolo eseguibile digitando da terminale questo comando:

chmod +x monitor.sh

Ora riavviamo il pc

Una volta riavviato possiamo premere fn+F5 per attivare l’uscita video sul nostro secondo monitor
e eseguiamo il nostro file monitor.sh per lavorare in modo da avere 2 monitor diversi.





Aggiungere nuove applicazioni e inserire le icone sul Desktop

8 09 2008

Per Prima cosa vi consiglio di abilitare l’advance mode seguendo questa semplice guida.

  • Aprite il terminale con Alt+F2 scrivendo terminal
  • scrivete su e date la vostra password scrivendo poi:
rpm -ivh http://rpm.livna.org/livna-release-7.rpm
  • in questo modo abiliteremno i repository livina che contengono numerosi pacchetti extra.
  • date eventuali conferme per procedere

ora è possibile installare numerosi programmi in due modi: con l’interfaccia grafica o con il comando yum da terminale.

-Installazione con l’interfaccia grafica

  • Tasto destro -> Sistema -> Aggiungi/Rimuovi Software
  • Aspettate che finisca il controllo
  • Ora possiamo installare i programmi selezionandoli dalla lista o cercandoli con il modulo Search nella seconda scheda
  • Se in un secondo momento volessimo eliminarli basta deselezionarli e applicare le modifiche.

-Installazione con yum da Terminale

  • Apriamo il terminale ed autentichiamoci come root scrivendo su
  • dopo aver messo la password scriviamo:
yum update

Questo comando serve per aggiornare la lista delle dipendenze

yum search parola_chiave

cercherà tra i pacchetti disponibili quelli che contengono la parola chiave

yum install nomepacchetto nomepacchetto2

installa i vari pacchetti

yum remove nomepacchetto

rimuove i pacchetti

-Aggiungere le Icone sul Desktop

Per aggiungere le icone che puntano alle applicazioni dobbiamo andare a modificare il file
/home/user/.config/xfce4/desktop/group-app.xml che contiene lo schema che gestisce la posizione delle icone nella visualizzazione principale

per prima cosa logghiamoci come root con il comando:

su
diamo invio ed effettuiamo il backup di questo file nel seguente modo:

cd  /home/user/.config/xfce4/desktop/ per spostarci nella cartella contenente il file

cp  group-app.xml group-app.xml.bak

Ora possiamo iniziare a modificare il file con l’editor predefinito (si può usare anche vim ma lo sconsiglio ai meno esperti):

mousepad group-app.xml

Ora avrete davanti un file XML con numerosi tag che ora vi spiegherò.

<group>
<id>1</id>

questo tag indica i gruppi che contengono le applicazioni

i primi 4 gruppi indicano i riquadri che abbiamo nella prima schermata:
Group id=1 è il primo riquadro con sfondo blu co scritto Connetti | la freccia porta al 5
Group id=2 è il riquadro arancione con la scritta Lavoro | la freccia porta al 6
Group id=3 giallo con la scritta Divertimento | la freccia porta al 7
Group id=4 verde con File | la freccia porta al 8

Group id=5 contiene i link del riquadro 1 (blue), ovvero browser, mail, etc
Group id=6 contiene i link del riquadro 2 (orange), ovvero l’office
Group id=7 contiene i link del riquadro 3 (giallo), ovvero i programmi multimediali
Group id=8 contiene i link del riquadro 4 (verde), ovvero i link alle directory
Group id=9 sono i link che si troveranno cliccando su impostazioni

E’ poi presente un sotto menù che è quello che appare cliccando giochi, identificato dal tag
dir id="1" parent_dir_id="0"

per aggiungere un applicazione dobbiamo inserire una stringa al file in questo modo:

  • se si trova già nell’elenco ma è commentata ci basta cancellare il <!– e il –>
  • altrimenti dobbiamo creare una nuova riga noi

Le icone sono identificate dal marcatore <app> che ha i seguenti attributi:

  • sequence: la posizione dell’icona, mettendo 1 andrà per prima 2 come seconda, ma attenzione a non mettere lo stesso numero altrimenti le icone si sovrappongono
  • il collegamento all’applicazione  .desktop che normalmente si può trovare in /usr/share/applications/ quindi prima controllate se è presente e il nome esatto (molti iniziano per fedora-)

se dovessimo aggiungere un icona dell’applicazione Skype dopo aver installato l’applicazione dovremo inserire nel gruppo 5

<app sequence="2">/usr/share/applications/skype.desktop</app>

se apriamo il file skype.desktop ttoveremo qualcosa del genere:

[Desktop Entry]
Name=Skype
Comment=Skype Internet Telephony
Exec=skype
Icon=skype.png
Terminal=0
Type=Application
Encoding=UTF-8
Categories=Network;Application;

Da qui possiamo andare a modificare l’icona a nostro piacimento

Buona customizzazione a tutti 😉

Ringrazio salviodimaio per la sua utile guida che mi ha aiutato a prendere confidenza con questa modifica




Installare Firefox 3

3 08 2008

Questa è la traduzione e adattamento di della guida postata in questo blog per installare Firefox 3 in modo che si sostituisca completamente al 2 senza andare a modificare configurazioni o icone.

  • Ora apriamo il terminale premento Alt+F2 e scrivendo terminal
  • posizioniamoci nella cartella dove abbiamo scaricato il file con il comando:
cd /home/user/Desktop
  • cambiando eventualmente la cartella e diamo i seguenti comandi:

su
tar -jvxf firefox*bz2
mv firefox /opt

  • Il prossimo passaggio servirà per copiare il nuovo Firefox nella cartella del 2 e spostare quest’ultima da un altra parte.

sudo mv /usr/bin/firefox /usr/bin/ff2
sudo ln -s /opt/firefox/firefox /usr/bin/firefox

  • Il prossimo passaggio è quello di linkare i plug-in di Firefox 2 (da non confondere con le estensioni) in Firefox 3. In seguito puoi disabilitarli se nn ti servono.

ln -s /usr/lib/mozilla/plugins/* /opt/firefox/plugins

  • Assicurati di non avere Firefox 2 in esecuzione.
    Dovrai creare un nuovo profilo per firefox 3, assegnagli un nome e selezionalo. Puoi cancellare il profilo di Firefox 2 se non vuoi più utilizzarlo.

firefox -ProfileManager &

Ora puoi cliccare sull’icona nel desktop e si avvierà Firefox 3

Ringraziamenti a  macles*




Aggiungere elementi al pannello

3 08 2008

Come sapete Linpus Linux possiede una vesione modificata di Xfce ma nonostante questo mantiene gli elementi originari.

E’ possibile personalizzare la taskbar andando proprio a richiamare il pannello originale ( xfce4-panel.old)
in seguito sarà possibile aggiungere elementi .

Ma vediamo subito come fare:

  • Per prima cosa terminiamo il processo xfce4-panel premendo Ctrl+Alt+Canc, andando in processes e cliccando col tasto destro del mouse su quel processo scegliendo Kill process
  • Ora premiamo Alt+F2 e scriviamo xfce4-panel.old ed apparirà di nuovo la barra sottostante.
  • Clicchiamo col destro sulla barra e selezionando la voce Aggiungi elementi apparirà una lista di elementi che possiamo trascinare a nostro piacere posizionandoli sulla barra.
  • Una volta terminate le modifiche dovremo premere nuovamente Ctrl+Alt+Canc, selezionare questa volta il processo  xfce4-panel.old e terminarlo come spiegato prima.
  • Premiamo di nuovo Alt+F2 e scriviamo xfce4-panel.

E possibile fare ciò anche in modo molto più semplice:

  • Premiamo Alt+F2 e scriviamo xfce4-panel -a
  • In seguito è possibile aggiungere gli elementi al pannello trascinandoli nella posizione desiderata

Si possono aggiungere vari elementi come il cestino o il menu di Xfce.

Ecco per esempio come appare il mio menu

Ringrazio BlastK per la segnalazione nei commenti ; )




Abilitare Compiz sull’Aspire One

2 08 2008

Pochi sapranno che distribuzione di Linpus Linux, che a molti sembra molto limitata e troncata, in realtà contiene molti strumenti e molte potenzialità in più di quelle che ci ha fatto credere Acer la prima volta che lo abbiamo acceso.

Girovagando tra le impostazioni ho trovato il modo per abilitare Compiz fusion perfettamente integrato nella distribuzione.

  • Per prima cosa vi consiglio di attivare l’advance mode per proseguire in modo più comodo seguendo la mia guida.
  • Una volta fatto ciò cliccate col destro -> Impostazioni -> “CompizConfig Settings Manager
  • Si apriranno le impostazioni per configurare Compiz come il Desktop a Cubo o le fineste “gommose
  • Chiudete e cliccate “Alt + F2” e scrivete “compiz-manager” dando l’invio
  • Ecco a voi Compiz abilitato.

Per cambiare i temi dovremo installare il pacchetto di temi per Emerald (il gestore dei temi di Compiz)

  • Autentichiamoci come root aprendo il terminale e scrivendo “su” dando poi l’invio e mettendo la password
  • scriviamo:
     yum install emerald-themes
  • Confermiamo ogni eventuale richiesta ed una volta terminato clicchiamo col tasto destro -> impostazioni -> “Emerald Theme Manager

Et voilà ora potrete sbizzarrirvi con i vari effetti ed i vari temi.

  • Per impostare Compiz all’avvio del sistema operativo (rallenta leggermente il caricamento) aprite da terminale:

xfce4-autostart-editor

  • cliccate su aggiungi e, dopo aver inserito il nome che volete digitate nella casella comando:

compiz-maganer

Se volete eccovene un assaggio: